RIDATEMI MIO FIGLIO

12 05 2012

E’ un grido che diventa una supplica. La rabbia che si piega allo sconforto. E’ in queste poche parole l’appello disperato di un padre, Matteo Quitadamo, sconvolto per la separazione dal figlio Giuseppe. Non ci sono ancora molte notizie. Stando al racconto dello stesso, due settimane fa le forze dell’ordine hanno prelevato Giuseppe da scuola per custodirlo in una comunità, togliendolo di fatto dall’affidamento del genitore (unico rimasto in vita ndr). Da quel giorno le parole che mi sono arrivate tra le email e gli sms del padre straziato dal dolore sono così cariche di disperazione che sembrano intinte nelle sue stesse lacrime. Accogliendo la sua domanda di aiuto altro non posso fare che dare a lui una possibilità di comunicare quanto gli sta accadendo, dando risalto ed eco a chi in questo momento più che mai, sembra abbandonato anche dalla solitudine. Egli denuncia di essere vittima di un raggiro e di un accanimento da parte di terzi che hanno prodotto documentazioni falsate. Pertanto è necessario a mio parere che il tribunale minorile svolga con doverosa meticolosità tutti gli approfondimenti alle indagini. Tuttavia, come rivista che si è sempre preoccupata di schierarsi dalla parte del più debole (e della verità), non lasceremo solo chi ha deciso, come ultimo gesto quello di suicidarsi.

“Una bugia ha fatto già il giro del mondo mentre la verità si sta ancora allacciando le scarpe”

Kevin De Bois (Il Tulipano)





GIORGIO CHIAMA ITALIA

19 11 2011

Comunicazione di servizio, ufficio stampa de Il Tulipano – Faceweek WM

Giorgio Pagano trentaduenne malato di distrofia muscolare martedì 29 Novembre per protesta nei confronti del comune di Castelfranco Emilia in cui risiede si incatenerà ad oltranza davanti Montecitorio dove proclamerà l’inizio dello sciopero della fame e dei farmaci per denunciare le gravi inadempienze dei servizi sociali incapaci di un adeguato sostegno alle sue esigenze più elementari.

Grazie per l’attenzione. Forza Giorgio

Kevin De Bois

Per chiunque volesse darci una mano diffondere la notizia può inviarla alle redazioni di tutti i principali organi di stampa nazionali e regionali.

lettere@altoadige.it,
lettere@avvenire.it,
redazione.internet@avvenire.it,
cronaca@bresciaoggi.it,
lettere@bresciaoggi.it,
diffusione@corgiorno.it,
presidenza@corgiorno.it,
direttore@corgiorno.it,
m.demarco@corrieredelmezzogiorno.it,
cultura@corrieredelmezzogiorno.it,
economia@corrieredelmezzogiorno.it,
politica@corrieredelmezzogiorno.it,
sport@corrieredelmezzogiorno.it,
napoli@corrieredelmezzogiorno.it,
cartellone@corrieredelmezzogiorno.it,
campania@corrieredelmezzogiorno.it,
caserta@corrieredelmezzogiorno.it,
salerno@corrieredelmezzogiorno.it,
redaz.ba@corrieredelmezzogiorno.it,
economiapuglia@corrieredelmezzogiorno.it,
sportpuglia@corrieredelmezzogiorno.it,
spettacolipuglia@corrieredelmezzogiorno.it,
culturapuglia@corrieredelmezzogiorno.it,
bari@corrieredelmezzogiorno.it,
redazione@messaggeroveneto.it,
ufficio.centrale@messaggeroveneto.it,
brindisitaranto@corrieredelmezzogiorno.it,
foggia@corrieredelmezzogiorno.it,
lecce@corrieredelmezzogiorno.it,
belluno@corrierealpi.it,
online@quotidiano.net,
segreteria.redazione.bologna@monrif.net,
feltre@corrierealpi.it,
lettere@corrierealpi.it,
cega@corriereromagna.it,
redazione.mn@gazzettadimantova.it,
cronaca.mn@gazzettadimantova.it,
lettere.mn@gazzettadimantova.it,
lettere@gazzettadiparma.net,
redazione.re@gazzettadireggio.it,
politica@liberazione.it,
capitale@liberazione.it,
lavori@liberazione.it,
esteri@liberazione.it,
partito@liberazione.it,
societa@liberazione.it,
culture@liberazione.it,
lettere@liberazione.it,
incontri@liberazione.it,
info@laregione.ch,
ornet@ossrom.va,
locarno@gdp.ch,
mendrisio@gdp.ch,
online@gdp.ch,
redakcija@primorski.it,
redazione.mo@gazzettadimodena.it,
cronaca.mo@gazzettadimodena.it,
lettere.mo@gazzettadimodena.it,
spettacoli.mo@gazzettadimodena.it,
redazione.fe@lanuovaferrara.it,
info@LibertaOnLine.it,
lugano@gdp.ch,
sport@gdp.ch,
interni@gdp.ch,
ticino@gdp.ch,
cultura@gdp.ch,
redazione@gdp.ch,
bellinzona@gdp.ch,
angela.azzaro@liberazione.it,
stefano.bocconetti@liberazione.it,
vittorio.bonanni@liberazione.it,
ivan.bonfanti@liberazione.it,
tonino.bucci@liberazione.it,
guido.caldiron@liberazione.it,
g.contin@liberazione.it,
carla.cotti@liberazione.it,
sabrina.deligia@liberazione.it,
laura.eduati@liberazione.it,
fulvio.fania@liberazione.it,
roberto.farneti@liberazione.it,
rina.gagliardi@liberazione.it,
antonella.marrone@liberazione.it,
martino.mazzonis@liberazione.it,
andrea.milluzzi@liberazione.it,
c.musacchio@liberazione.it,
f.nacinovich@liberazione.it,
a.nocioni@liberazione.it,
paola.pittei@liberazione.it,
r.ronconi@liberazione.it,
f.sebastiani@liberazione.it,
stefania.podda@liberazione.it,
romina.velchi@liberazione.it,
daniele.zaccaria@liberazione.it,
redazione@liberazione.it,
tribunatv@tribunatreviso.it,
stampaweb@lastampa.it,
lettere@lastampa.it,
salute@lastampa.it,
segreteria@ngmail.it,
segreteria@lasicilia.it,
vzucconi@aol.com,
repubblicawww@repubblica.it,
larepubblica@repubblica.it,
week-in@repubblica.it,
servizioclienti@repubblica.it,
direttore@laprovinciapavese.it,
lettere@laprovinciapavese.it,
cronacapavia@laprovinciapavese.it,
voghera@laprovinciapavese.it,
vigevano@laprovinciapavese.it,
info@laprovinciacosentina.it,
cronaca@lapadania.net,
cronaca@lapadania.net,
nuovavenezia@nuovavenezia.it,
lanuovasardegna@lanuovasardegna.it,
cronaca.ss@lanuovasardegna.it,
cronaca.ss@lanuovasardegna.it,
sport.ss@lanuovasardegna.it,
attualita.ss@lanuovasardegna.it,
cagliari1@lanuovasardegna.it,
nuoro@lanuovasardegna.it,
olbia@lanuovasardegna.it,
oristano1@lanuovasardegna.it,
iglesias@lanuovasardegna.it,
online@quotidiano.net,
nazioneonline@quotidiano.net,
cronaca.bologna@ilcarlino.net,
cronaca.ancona@ilcarlino.net,
cronaca.ascolipiceno@ilcarlino.net,
cronaca.cesena@ilcarlino.net,
cronaca.ferrara@ilcarlino.net,
cronaca.forli@ilcarlino.net,
cronaca.imola@ilcarlino.net,
cronaca.macerata@ilcarlino.net,
cronaca.modena@ilcarlino.net,
cronaca.pesaro@ilcarlino.net,
cronaca.ravenna@ilcarlino.net,
cronaca.rimini@ilcarlino.net,
cronaca.reggioemilia@ilcarlino.net,
cronaca.rovigo@ilcarlino.net,
redazione@opinione.it,
redazioneweb@eco.bg.it,
redazione@avanti.it,
p.giovanetti@ladige.it,
r.moser@ladige.it,
l.zoppello@ladige.it,
italiaoggi@class.it,
carrara.it@iltirreno.it,
cecina.it@iltirreno.it,
elba.it@iltirreno.it,
empoli.it@iltirreno.it,
firenze.it@iltirreno.it,
grosseto.it@iltirreno.it,
cronacalivorno@iltirreno.it,
lettere.re@gazzettadireggio.it,
lettere@giornaledibrescia.it,
redazione@ilcampanile.it,
lettere@ilcentro.it,
red.abruzzo@ilcentro.it,
red.pescara@ilcentro.it,
red.chieti@ilcentro.it,
red.aquila@ilcentro.it,
red.sulmona@ilcentro.it,
red.lancianovasto@ilcentro.it,
amministrazione@ilcentro.it,
redazione@ildomani.it,
ildirettore@ilfoglio.it,
lettere@ilfoglio.it,
nazioneonline@quotidiano.net,
cronaca.bologna@ilcarlino.net,
regione@ilpiccolo.it,
gorizia@ilpiccolo.it,
agenda@ilpiccolo.it,
cronaca@ilpiccolo.it,
segreteria.redazione@ilpiccolo.it,
cultura@ilpiccolo.it,
istria@ilpiccolo.it,
attualita@ilpiccolo.it,
ufficio.centrale@ilpiccolo.it,
cronaca.ancona@ilcarlino.net
cronaca.ascolipiceno@ilcarlino.net,
cronaca.cesena@ilcarlino.net,
cronaca.ferrara@ilcarlino.net,
cronaca.forli@ilcarlino.net,
cronaca.imola@ilcarlino.net,
cronaca.macerata@ilcarlino.net,
cronaca.modena@ilcarlino.net,
cronaca.pesaro@ilcarlino.net,
cronaca.ravenna@ilcarlino.net,
cronaca.rimini@ilcarlino.net,
cronaca.reggioemilia@ilcarlino.net,
cronaca.rovigo@ilcarlino.net,
segreteria.redazione.firenze@monrif.net,
redazione.cronaca@lanazione.net,
cronaca.arezzo@lanazione.net,
cronaca.carrara@lanazione.net,
cronaca.empoli@lanazione.net,
cronaca.grosseto@lanazione.net,
diff@ilmanifesto.it,
distrib.compactdisc@ilmanifesto.it,
cronaca.livorno@lanazione.net,
cronaca.lucca@lanazione.net,
cronaca.massa@lanazione.net,
cronaca.montecatini@lanazione.net,
cronaca.pisa@lanazione.net,
cronaca.pistoia@lanazione.net,
cronaca.prato@lanazione.net,
cronaca.sarzana@lanazione.net,
cronaca.siena@lanazione.net,
cronaca.spezia@lanazione.net,
cronaca.viareggio@lanazione.net,
segreteria.redazione.milano@monrif.net,
cronaca.milano@ilgiorno.net,
redazione.lecco@ilgiorno.net,
redazione.legnano@ilgiorno.net,
redazione.lodi@ilgiorno.net,
redazione.monza@ilgiorno.net,
redazione.sondrio@ilgiorno.net,
redazione@ilmanifesto.it,
redmi@ilmanifesto.it,
posta@ilmattino.it,
l.ruggera@ilmattinobz.it,
f.gobbato@ilmattinobz.it,
f.espro@ilmattinobz.it,
m.cortese@ilmattinobz.it,
f.comina@ilmattinobz.it,
d.bergo@ilmattinobz.it,
m.barbera@ilmattinobz.it,
info@piemmeonline.it,
casa@ilmessaggero.it,
prioritaria@ilmessaggero.it,
sport@ilmessaggero.it,
sport@ilmessaggero.it,
cultura@ilmessaggero.it,
esteri@ilmessaggero.it,
cronaca@ilmessaggero.it,
lamiaroma@ilmessaggero.it,
redazioneweb@ilmessaggero.it,
p.ghezzi@ladige.it,
ufficio.centrale@messaggeroveneto.it,
lettere@ilmattinobz.it,
lettere@ilmattinobz.it,
r.magurano@ilmattinobz.it,
gorizia@messaggeroveneto.it,
pordenone@messaggeroveneto.it,
provincia@messaggeroveneto.it,
cronaca@messaggeroveneto.it,
regione@messaggeroveneto.it,
sport@messaggeroveneto.it,
cultura.spettacoli@messaggeroveneto.it,
attualita@messaggeroveneto.it,
posta.lettori@messaggeroveneto.it,

Alto Adige altoad@tin.it
Avvenimenti segreteria@avvenimenti.it
Avvenire avvenire@avvenire.it
Bresciaoggi redazione@bresciaoggi.it
Corriere Adriatico corriere.adriatico@fatnet.it
Corriere del Giorno corgiorno@peg.it
Corriere del Mezzogiorno cormez@tin.it
Corriere della Sera quotidiani@rcs.it
Corriere delle Alpi coralpi@tin.it
Corriere Mercantile infocop@interbusiness.it
Corriere Romagna rimini@corriereromagna.it
Corriere abbonati@corr.it
Cronache di Napoli cronachedinapoli@libero.it
Dolomiten dolomiten@athesia.it
Gazzetta del Sud info@gazzettadelsud.it
Gazzetta di Mantova redazione.mn@gazzettadimantova.it
Gazzetta di Parma gazzpr@tin.it
Il Centro ilcentro@mixo.it
Il Cittadino di Lodi posta@ilcittadino.it
Il Corriere redazione@corrierecomo.it
Il Domani della Calabria tep.editori@ildomani.it
Il Foglio Quotidiano lettere@ilfoglio.it
Il Giornale segreteria@ilgiornale.it
Il Giornale d’Italia g.italia@tiiscalinet.it
Il Giornale della Toscana giornaletos@ftbcc.it
Il Giornale di Napoli postroma@ti.it
Il Giornale di Sicilia seg.amm@gds.it
Il Giorno giorno6@ecs.net
Il Golfo ilgolfo@metis.it
Il Manifesto redazione@ilmanifesto.it
Il Mattino di Padova mattino@mattinopadova.it
Il Mattino posta@ilmattino.it
Il Messaggero posta@ilmessaggero.it
Il Nuovo giornale di Bergamo ilgiornalebg@cyberg.it
Il Piccolo piccolo@ilpiccolo.it
Il Quotidiano della Calabria ilquotidiano@finedit.com
Il Quotidiano di Bari ilquotidiano@isnet.it
Il Secolo XIX redazione@ilsecoloxix.it
Il Sole-24 Ore info@ilsole24ore.it
Il Tirreno internet@etrurianet.it
ItaliaOggi italiaoggi@class.it
L’Arena redazione@larena.it
L’Avanti redazione@avanti.it
L’Avvisatore Marittimo avvmar@tin.it
L’Opinione delle Libertà arilla@tin.it
L’Osservatore Romano ornet@ossroman.va
L’Unione Sarda unione@unionesarda.it
L’Unità unitaonline@unita.it
La Città lacitta@tin.it
La Gazzetta del Mezzogiorno gazzettamezzogiorno@tin.it
La Gazzetta dello Sport gasport@res.it
La Nazione nome.cognome@iltirreno.it
La Nuova Basilicata nuovabas@tin.it
La Nuova Ferrara redazione.fe@lanuovaferrara.it
La Nuova Sardegna lanuovasardegna@lanuovasardegna.it
La Nuova Venezia nuova@nuovavenezia.it
La Padania info@lapadania.net
La Prealpina direttore@betanet.it
La Provincia di Como laprovincia@laprovincia.it
La Provincia di Cremona laprovincia@cremonaonline.it
La Provincia Pavese redazione@laprovincia.pv.it
La Repubblica larepubblica@repubbblica.it
La Sera lasera@tiscalinet.it
La Sicilia segreteria@ngweb.it
La Stampa lettere@lastampa.it
La Tribuna di Treviso tribunatv@tribunatreviso.it
Libertà magazine@altrimedia.it
Linea lineaquotidiano@agora.it
MF mf-milanofinanza@class.it
Messaggero Veneto messven@messaggeroveneto.it
Nuovo Oggi Molise nuovomolise@net-point.it
Quotidiano Nazionale redazione.internet@quotidiano.net
Rinascita rinascita@rinascita.net
Roma ilroma@tin;it
Tutta Finanza doc@orvienet.it
Tuttosport tuttosport@tuttosport.it
Ultimissime postroma@tin.it





FACEWEEK – nr. 02

12 09 2011

Sfoglia la rivista cliccando sull’immagine

oppure accedi al PDF cliccando QUI





FACEWEEK – nr. 01

18 07 2011

Sfoglia la rivista cliccando sull’immagine oppure accedi al PDF cliccando QUI





Sulle orme della Salamandra

10 07 2011

Sfoglia il libro cliccando sull’immagine





IL TULIPANO – 4 LUGLIO

5 07 2011

clicca sull’immagine per ottenere il collegamento alla rivista o qui per il PDF





TULIPANO – 22 Novembre 2010

23 12 2010

Clicca sulla copertina per visualizzare la rivista





Il Tulipano nr. 21 del 2/12/10

3 12 2010

Clicca sulla copertina per accedere o scaricare il PDF (6.6 Mb)

oppure accedi alla versione sfogliabile QUI





Tulipano – 23 Novembre 2010

23 11 2010

Clicca sulla copertina per accedere al PDF oppure QUI per lo sfogliabile





La storia di Martina, Un abuso

17 02 2011

La storia di Martina è quella di una donna di 35 anni arrivata in Italia dalla Repubblica Ceca circa 10 anni fa che si stabilizza nel nord-est dove lavora come commerciante.

A distanza di un paio di anni  conosce Tiziano un ragazzo della zona, di cui si innamora e con cui nasce una relazione.

Le cose tra i due almeno inizialmente sembrano filare alla meraviglia, finché Martina non comincia a fare i conti con il comportamento del suo fidanzato, talvolta troppo aggressivo, cose a cui non da subito troppa importanza, giustificandole come caratteristiche caratteriali oppure sintomi derivati delle crisi di abbandono.

La loro storia prosegue tra alti e bassi, tanto che dopo un paio d’anni Tina rimane incinta e per lavoro e per necessità si sposta nelle marche, vicino Fano dove intanto abita anche sua madre. La distanza tra i due partner fa si che per i primi anni lui si rechi a trovare mamma e piccolo solo durante il fine settimana.

Sebbene fin dall’inizio in lui riscontrasse una forte emotività e una certa fragilità caratteriale, per cui nonostante tutto ne risultasse compassionevolmente attratta e per quanto alle sue crisi isteriche avesse sempre trovato una illogica giustificazione, negli ultimi mesi l’amore che aveva alimentato la sua passiva tolleranza non sembrava essere più sufficiente.

Ma come accade per tante relazioni imperfette così anche per loro tutto andò avanti lo stesso e in mancanza di novità che facilitassero un cambiamento, mentre passavano le stagioni, la loro storia si confuse con l’abitudine e con gli impegni reciproci, fino all’arrivo della primavera.

Capitò infatti che all’età di circa 3 anni del piccolo, la donna si debba allontanare per qualche giorno da casa dovendo partecipare ad una importante riunione di lavoro ed essendo indisponibile anche sua madre prende accordi con Tiziano perché il bambino vada con lui in quella settimana nella casa in campagna con i nonni. Per quel fine settimana poi si sarebbero ritrovati insieme a Fano.

Tutto procede in modo consueto e come stabilito, ma il  lunedì seguente per Martina diventerà indimenticabile.

Non appena i due salutano il papà ed hanno occasione di rimanere soli lei subito nota nell’atteggiamento del bambino alcuni passaggi diversi dal solito, contenuti all’inizio in piccoli particolari che forse solo lo sguardo esperto di una madre può individuare, per cui cerca di capirne meglio assistendo alle reazioni con sempre più concentrazione.

Sono momenti imbarazzanti per lei questi in cui mi circoscrive le scene in cui sforzandosi anche di contenere le lacrime impiega comunque molta determinazione e tenacia per non tralasciare alcun particolare.

Lei descrive accuratamente ciò che io vi riassumo per sommi capi. Stando al suo racconto in quei momenti fu come se il bambino attuasse un comportamento seduttivo nei suoi confronti, avvicinandola alle sue parti intime, simulando, come se fosse un gioco il rapporto sessuale, oppure ricercando il bacio sulla bocca ed emulando espliciti toccamenti nelle zone erogene, tutte cose che non gli aveva mai visto fare prima.

All’inizio, per quanto fosse preoccupata e in preda a dubbi atroci, cercò comunque di placare l’allarme con la speranza che quello a cui aveva assistito fosse un episodio isolato, a cui dare poco peso, anche se, nel fine settimana successivo all’arrivo di Tiziano, prestando molta più attenzione trovò presto riscontro e conferma concreta a quelle che erano state solo ipotesi e istintive deduzioni .

Passata una notte insonne, sentendosi sola e impotente, decide di procurarsi delle registrazioni autonomamente, convinta che quello fosse l’unico modo concreto per affrontare e risolvere prima possibile quella situazione così difficile.

Non appena realizzato il materiale si reca al comando di polizia delle vicinanze e in base alla sua testimonianza, i responsabili della questura sembrano prendere con poca cura ciò che lei racconta, liquidandola con frasi del tipo “ ..ma non sa quante ce ne sono come lei .. che ci vengono a raccontare queste cose.. ” oppure, “ ..ma anche noi in casa ci comportiamo in modo simile ma non vuol dire niente.. “ dopodiché, sequestrandole, non visionando, il materiale audiovisivo la accompagnarono verso l’uscita senza neanche troppi complimenti.

Fortemente turbata decide l’unica cosa possibile, scappare, rifugiarsi al più presto nel suo paese, la Repubblica Ceca unica possibile via di fuga a sua disposizione e cercare lì un posto sicuro dove potersi nascondere con il piccolo.

Fuggì dunque dall’Italia, ma anche dal lavoro, da quelle piccole ma stabili certezze che aveva realizzato. Scappò per disintossicarsi da tutto ciò che le era capitato ma non andò certo incontro a momenti più facili.

Oltre questo, nello stesso periodo lei non sa che intanto l’accusa di pedofilia è andata avanti d’ufficio in maniera indipendente, ne’ tantomeno che la stessa questura a cui si era rivolta per chiedere aiuto avesse sporto denuncia nei suoi confronti per diffamazione e violazione della privacy del convivente.

Fu così che il giorno del processo in cui si sarebbe discusso anche dell’affidamento, Martina avvertita negligentemente con troppo ritardo non si presenti in aula e, con l’aggravante della sua “latitanza” e della presunta infondatezza delle documentazioni raccolte le venga sottratta la patria potestà e quindi sentenziato l’affidamento esclusivo al padre.

Ad oggi, Martina sta contravvenendo a suo alto rischio la decisione stabilita dal tribunale. Delusa, o per meglio dire disgustata da ciò che ha subito in Italia, la sua unica via di salvezza, ci fa sapere, è appellarsi alla corte internazionale di giustizia dell’Aia e intanto, rimanendo prudentemente nascosta finché le sarà possibile, far sì che anche grazie alla rete il suo racconto, il suo grido, non rimanga inascoltato.

Per protezione, tutela e rispetto le identità delle parti sono state cambiate da quelle reali.

Kevin de Bois





Editoriale, Il diario del Ke “Jurassik Italy – Il Cimitero di Talia”

21 12 2010

a cura di Kevin de Bois

Causa neve me ne resto (forzatamente e felicemente) per alcuni giorni bloccato in casa lontano dal lavoro non ostante le gomme termiche appena montate sul 4×4. Ogni scusa è buona. Oltremodo intossicato dal ritornello “ma-mi-lasci-finire-la-prego-io-non-l’ho-interrotta” e in preda all’ozio più assoluto lascio scivolare i polpastrelli indice e medio che, ballerini pattinatori, si contendono litiganti l’area 4×5 del touch-pad, piccolo quadratino sul mio fedele portatile e unico timone per navigare in lungo, ma soprattutto in largo, tutta la rete.


Sciolti gli ormeggi dai luoghi più comuni, Facebook, finisco per incagliarmi anche in quella aree bandite, non presenti in tutte le mappe, You-Porn (scherzo, lo giuro), finché con un po’ di timore reverenziale la mia attenzione si sofferma prima e si concentra poi sul sito ufficiale del Senato della Repubblica.

Mentre l’osservo infatti, scopro con interesse masochista che vi è riportato l’elenco di tutti i senatori a partire dalla prima legislatura, con tanto di immagini incise nel web come virtuali epitaffi, digitali quanto fin troppo ermetici anche per un camposanto elettronico, che descrivono circa le origini, l’anno della nomina e la loro professione. Entro nella lista degli anni 1948 – 1953, lettera A, Abbiate Mario. Succinti ma essenziali i dati della scheda : nato nel 1872, genovese, agricoltore, nominato nella primavera del ’48 alla tenera età di 76 anni. Un uomo, dunque, anziano e presumibilmente di cultura medio – bassa. Mi viene subito un’associazione di idee e passo ad un’altra scheda di navigazione, le mie dita stavano già cercando qualcosa di diverso su Google mentre la mia curiosità su quel gruppone di estinti era già completamente svanita.


Non come quando da bambino in visita al cimitero mi allontanavo dalle preghiere e dalla noiosa pratica del rimbocco dell’acqua e scivolando di nascosto lungo il perimetro dei colombai partivo alla ricerca delle immagini più bizzarre dei defunti che mi mancavano dalle visite precedenti in cui, sfidando la paura e osando anche percorsi inesplorati in quel territorio spettrale, con la fantasia ne esorcizzavo il terrore inizialmente paralizzante.

Stavo cercando quello che qualche giorno prima avevo sbirciato troppo velocemente e solo nei tratti riassuntivi di quell’indagine pubblicata dalla Università Bocconi (curata da Boeri, Merlo e Prat) che in modo perentorio e statistico sintetizzavano, in maniera tutt’altro che politicamente capziosa (leggi CEPU) né spocchiosamente troppo accademica, ma con il potere della semplicità, l’analisi dei valori genetici della classe dirigente italiana, esattamente dal 1948 ad oggi.

Il risultato dell’indagine è che in Italia i politici sono più vecchi e meno istruiti di 60 anni fa.

Vi lascio adesso nelle mani dei tre illustri studiosi : Tito Boeri, professore ordinario di Economia del lavoro all’Università Bocconi, Antonio Merlo direttore del Penn Institute for Economic Reserach alla University of Pennsylvania e Andrea Prat professore di Economia alla London School of Economics and Political Science.

“Le caratteristiche dei parlamentari italiani sono cambiate nel tempo?
Per dare una risposta, è necessario analizzare la composizione dei deputati che entrano per la prima volta in Parlamento nelle quindici legislature che vanno dal 1948 al 2006.

La Figura mostra l’età media, la percentuale di donne e la quota di laureati fra coloro che hanno fatto il loro primo ingresso in Parlamento, evidenziando quanto le caratteristiche dei parlamentari siano cambiate in questo periodo di tempo.
L’età media dei nuovi eletti era di 45,8 anni nella I Legislatura, è scesa a 42,7 nella settima (1976) e ha cominciato poi a salire costantemente sino a raggiungere i 50 anni nella XV Legislatura.

Le donne sono triplicate, tra il 1948 e il 2006, passando dal 7,2 per cento al 20,8 per cento. La percentuale più bassa, l’1,7 per cento, si è registrata tra i neoeletti del 1968, con la V Legislatura. Anche il livello di istruzione è cambiato enormemente tra il 1948 e il 2006.
La percentuale dei nuovi eletti con una laurea, pari al 91,4 per cento all’inizio della I Legislatura, è diminuita costantemente sino a quota 64,6 per cento dopo le elezioni del 2006.
Se ci si concentra invece sulle differenze tra la Prima e la Seconda Repubblica, si nota che l’età media di ingresso è passata dai 44,7 ai 48,1 anni e la quota di donne è aumentata dall’8 al 13,9 per cento, mentre la percentuale di parlamentari laureati è scesa dall’80,5 al 68,5 per cento.
È anche interessante notare che mentre l’età media dei neoeletti è salita sia per gli uomini sia per le donne nel passaggio dalla Prima alla Seconda Repubblica (da 45 a 48,3 anni per gli uomini, da 41,1 a 46,5 anni per le donne) e la percentuale dei laureati è complessivamente più bassa nella Seconda Repubblica rispetto alla Prima (quando era dell’80,1 per cento per gli uomini e del 75,1 per cento per le donne), nello stesso periodo è tuttavia cresciuto il numero delle donne laureate (il 70,1 per cento) rispetto a quello degli uomini laureati (il 68,2 per cento).

Per capire se queste tendenze indichino un trend generale, è utile un confronto con gli Stati Uniti. Con l’eccezione delle neoparlamentari donne che mostrano nel tempo molte analogie con le colleghe italiane, gli altri indicatori rivelano forti differenze.
Negli Usa i parlamentari con una laurea (bachelor) sono aumentati dall’88,5 per cento del 1947 al 93,9 per cento del 1993, mentre l’età media del primo ingresso al Congresso si è mantenuta stabile intorno ai 47,5 anni. Se si osservano da vicino le carriere dei deputati prima della loro elezione emergono alcuni aspetti interessanti. I neoparlamentari provenienti dal settore legale sono scesi costantemente dal 33,9 per cento della I Legislatura al 10,6 per cento della XV.
Anche la quota di deputati provenienti dal settore agricolo è diminuita. Al contrario è aumentata la percentuale dei legislatori provenienti dal settore industriale: dal 12,4 per cento della I Legislatura al 26,3 per cento della XIV (2001-2006). E ne è cambiata la composizione: gli operai sono scesi dal 6,3 al 5 per cento, mentre i manager sono aumentati dal 6,1 al 18,2 per cento tra la I e la XV Legislatura. I neoparlamentari provenienti da una carriera politica sono passati dall’1,7 per cento al 15,2 per cento e i dipendenti pubblici dal 2,4 per cento al 6 per cento, tra la I e la XV Legislatura.
Un’altra evoluzione interessante riguarda la percentuale dei sindacalisti, più che raddoppiata (dal 5 all’11 per cento) nelle prime quattro legislature, crollata all’inizio degli anni Settanta e da allora stabile intorno al 3 per cento. Nel passaggio dalla Prima alla Seconda Repubblica, si notano le seguenti variazioni percentuali nei settori lavorativi dei parlamentari: agricoltura -1, istruzione –1,1, sanità +3,3, operai –4,5, manager industriali +11,5, settore legale –6,3, lobbying –4,3, media –2,4, militari –0,5, politici +2,6, pubblico +0,2, autonomi +1,1, non nella forza lavoro +1,4. È da sottolineare che il 37,3 per cento delle donne proviene dal settore dell’istruzione (tra gli uomini il 17,5 per cento), solo il 5,3 per cento dal settore legale (tra gli uomini il 20,4 per cento): le quote complessive degli uomini e delle donne che vengono dal settore industriale sono simili (19,7 per cento uomini e 17,9 per cento donne), ma la percentuale di donne impiegate, che provengono dunque da un livello più basso, è più alta di quella degli uomini (l’11,5 per cento contro l’8 per cento), mentre i manager sono più spesso uomini (l’11,6 per cento degli uomini contro il 6,5 per cento delle donne).

Le differenze tra uomini e donne risultano analoghe nella Prima e nella Seconda Repubblica. Alcune peculiarità del mondo del lavoro italiano, come la forte presenza dei lavoratori del settore pubblico o dei dirigenti di partito che lavorano a tempo pieno nelle varie organizzazioni politiche, rende arduo il confronto tra parlamentari italiani e americani.
Tuttavia, se nel periodo che va dal 1947 al 1994 si osservano le percentuali dei lavoratori americani impiegati nel settore legale e nel mondo degli affari prima della loro elezione al Congresso, si nota, oltreoceano come in Italia, un declino dei neoeletti provenienti dal settore legale. Molto diverso invece il numero dei parlamentari che arrivano dal mondo degli affari: negli Usa la quota è rimasta abbastanza stabile negli anni, oscillando tra il 15 e il 20 per cento. Oltre ai dati sull’ultima occupazione prima dell’elezione, che riguardano 4.317 su 4.465 deputati tra il 1947 e il 2007, questo studio prende in esame anche le carriere successive al mandato parlamentare di un campione rappresentativo di 860 parlamentari (768 uomini e 92 donne).
L’età media del campione è 56 anni. Il 5,6 per cento lascia il Parlamento per andare in pensione, mentre il 2,7 per cento per andare in prigione. è interessante notare come molti parlamentari provenienti dal settore privato rimangano in politica anche all’uscita dal Parlamento. Volendo approfondire l’aspetto delle carriere post-parlamentari e incrociando i dati sulle occupazioni antecedenti e quelle successive al mandato, emergono dettagli incredibili.

Primo: il 57,4 per cento degli ex parlamentari non torna alla sua occupazione iniziale.
Secondo: i deputati che tornano più raramente alla vecchia occupazione sono gli ex lavoratori dell’industria (4,3 per cento). Di fatto, il 17 per cento rientra nel settore ma con posizioni manageriali.
Terzo: pochi abbandonano la politica. Molti deputati provenienti da altri settori prima di entrare in Parlamento, alla fine del mandato accettano un incarico politico: una quota che varia dal 28,1 per cento di chi prima lavorava nel settore legale, al 37,5 per cento di chi ricopriva un ruolo manageriale nel settore industriale, al 49,1 per cento di chi proveniva dal lavoro autonomo, al 54,9 per cento di chi lavorava nel settore pubblico, al 61,2 per cento degli ex impiegati nell’industria. Allo stesso tempo, chi proveniva dal mondo politico, nel 74,2 per cento dei casi ci rimane. Solo il 21 per cento sceglie il settore privato (e un rimanente 4,8 per cento va nel pubblico impiego). Di tutti gli ex parlamentari che restano in politica, il 21,5 per cento è eletto o impiegato negli enti locali (città o provincia), il 14,3 per cento nelle regioni e il 10,6 per cento a livello nazionale. Il restante 53,6 per cento accetta un incarico nel partito. Negli Stati Uniti si osserva invece il fenomeno inverso. Gli ex parlamentari che al termine del mandato lavorano nel settore privato sono la maggioranza (59,8 per cento) contro il 40,2 per cento che accetta un altro incarico politico. Gli ex parlamentari che vanno in pensione dopo la fine del mandato sono il 13 per cento, di più di quelli italiani, anche se l’età di ritiro è la stessa (56 anni).

Copyright © 2010 EGEA – Università Bocconi Editore





Il Tulipano nr 22 dell’11-12-2010

11 12 2010

Clikka sulla copertina per accedere alla rivista, oppure qui per la versione sfogliabile