Editoriale, Il diario del Ke “Jurassik Italy – Il Cimitero di Talia”

21 12 2010

a cura di Kevin de Bois

Causa neve me ne resto (forzatamente e felicemente) per alcuni giorni bloccato in casa lontano dal lavoro non ostante le gomme termiche appena montate sul 4×4. Ogni scusa è buona. Oltremodo intossicato dal ritornello “ma-mi-lasci-finire-la-prego-io-non-l’ho-interrotta” e in preda all’ozio più assoluto lascio scivolare i polpastrelli indice e medio che, ballerini pattinatori, si contendono litiganti l’area 4×5 del touch-pad, piccolo quadratino sul mio fedele portatile e unico timone per navigare in lungo, ma soprattutto in largo, tutta la rete.


Sciolti gli ormeggi dai luoghi più comuni, Facebook, finisco per incagliarmi anche in quella aree bandite, non presenti in tutte le mappe, You-Porn (scherzo, lo giuro), finché con un po’ di timore reverenziale la mia attenzione si sofferma prima e si concentra poi sul sito ufficiale del Senato della Repubblica.

Mentre l’osservo infatti, scopro con interesse masochista che vi è riportato l’elenco di tutti i senatori a partire dalla prima legislatura, con tanto di immagini incise nel web come virtuali epitaffi, digitali quanto fin troppo ermetici anche per un camposanto elettronico, che descrivono circa le origini, l’anno della nomina e la loro professione. Entro nella lista degli anni 1948 – 1953, lettera A, Abbiate Mario. Succinti ma essenziali i dati della scheda : nato nel 1872, genovese, agricoltore, nominato nella primavera del ’48 alla tenera età di 76 anni. Un uomo, dunque, anziano e presumibilmente di cultura medio – bassa. Mi viene subito un’associazione di idee e passo ad un’altra scheda di navigazione, le mie dita stavano già cercando qualcosa di diverso su Google mentre la mia curiosità su quel gruppone di estinti era già completamente svanita.


Non come quando da bambino in visita al cimitero mi allontanavo dalle preghiere e dalla noiosa pratica del rimbocco dell’acqua e scivolando di nascosto lungo il perimetro dei colombai partivo alla ricerca delle immagini più bizzarre dei defunti che mi mancavano dalle visite precedenti in cui, sfidando la paura e osando anche percorsi inesplorati in quel territorio spettrale, con la fantasia ne esorcizzavo il terrore inizialmente paralizzante.

Stavo cercando quello che qualche giorno prima avevo sbirciato troppo velocemente e solo nei tratti riassuntivi di quell’indagine pubblicata dalla Università Bocconi (curata da Boeri, Merlo e Prat) che in modo perentorio e statistico sintetizzavano, in maniera tutt’altro che politicamente capziosa (leggi CEPU) né spocchiosamente troppo accademica, ma con il potere della semplicità, l’analisi dei valori genetici della classe dirigente italiana, esattamente dal 1948 ad oggi.

Il risultato dell’indagine è che in Italia i politici sono più vecchi e meno istruiti di 60 anni fa.

Vi lascio adesso nelle mani dei tre illustri studiosi : Tito Boeri, professore ordinario di Economia del lavoro all’Università Bocconi, Antonio Merlo direttore del Penn Institute for Economic Reserach alla University of Pennsylvania e Andrea Prat professore di Economia alla London School of Economics and Political Science.

“Le caratteristiche dei parlamentari italiani sono cambiate nel tempo?
Per dare una risposta, è necessario analizzare la composizione dei deputati che entrano per la prima volta in Parlamento nelle quindici legislature che vanno dal 1948 al 2006.

La Figura mostra l’età media, la percentuale di donne e la quota di laureati fra coloro che hanno fatto il loro primo ingresso in Parlamento, evidenziando quanto le caratteristiche dei parlamentari siano cambiate in questo periodo di tempo.
L’età media dei nuovi eletti era di 45,8 anni nella I Legislatura, è scesa a 42,7 nella settima (1976) e ha cominciato poi a salire costantemente sino a raggiungere i 50 anni nella XV Legislatura.

Le donne sono triplicate, tra il 1948 e il 2006, passando dal 7,2 per cento al 20,8 per cento. La percentuale più bassa, l’1,7 per cento, si è registrata tra i neoeletti del 1968, con la V Legislatura. Anche il livello di istruzione è cambiato enormemente tra il 1948 e il 2006.
La percentuale dei nuovi eletti con una laurea, pari al 91,4 per cento all’inizio della I Legislatura, è diminuita costantemente sino a quota 64,6 per cento dopo le elezioni del 2006.
Se ci si concentra invece sulle differenze tra la Prima e la Seconda Repubblica, si nota che l’età media di ingresso è passata dai 44,7 ai 48,1 anni e la quota di donne è aumentata dall’8 al 13,9 per cento, mentre la percentuale di parlamentari laureati è scesa dall’80,5 al 68,5 per cento.
È anche interessante notare che mentre l’età media dei neoeletti è salita sia per gli uomini sia per le donne nel passaggio dalla Prima alla Seconda Repubblica (da 45 a 48,3 anni per gli uomini, da 41,1 a 46,5 anni per le donne) e la percentuale dei laureati è complessivamente più bassa nella Seconda Repubblica rispetto alla Prima (quando era dell’80,1 per cento per gli uomini e del 75,1 per cento per le donne), nello stesso periodo è tuttavia cresciuto il numero delle donne laureate (il 70,1 per cento) rispetto a quello degli uomini laureati (il 68,2 per cento).

Per capire se queste tendenze indichino un trend generale, è utile un confronto con gli Stati Uniti. Con l’eccezione delle neoparlamentari donne che mostrano nel tempo molte analogie con le colleghe italiane, gli altri indicatori rivelano forti differenze.
Negli Usa i parlamentari con una laurea (bachelor) sono aumentati dall’88,5 per cento del 1947 al 93,9 per cento del 1993, mentre l’età media del primo ingresso al Congresso si è mantenuta stabile intorno ai 47,5 anni. Se si osservano da vicino le carriere dei deputati prima della loro elezione emergono alcuni aspetti interessanti. I neoparlamentari provenienti dal settore legale sono scesi costantemente dal 33,9 per cento della I Legislatura al 10,6 per cento della XV.
Anche la quota di deputati provenienti dal settore agricolo è diminuita. Al contrario è aumentata la percentuale dei legislatori provenienti dal settore industriale: dal 12,4 per cento della I Legislatura al 26,3 per cento della XIV (2001-2006). E ne è cambiata la composizione: gli operai sono scesi dal 6,3 al 5 per cento, mentre i manager sono aumentati dal 6,1 al 18,2 per cento tra la I e la XV Legislatura. I neoparlamentari provenienti da una carriera politica sono passati dall’1,7 per cento al 15,2 per cento e i dipendenti pubblici dal 2,4 per cento al 6 per cento, tra la I e la XV Legislatura.
Un’altra evoluzione interessante riguarda la percentuale dei sindacalisti, più che raddoppiata (dal 5 all’11 per cento) nelle prime quattro legislature, crollata all’inizio degli anni Settanta e da allora stabile intorno al 3 per cento. Nel passaggio dalla Prima alla Seconda Repubblica, si notano le seguenti variazioni percentuali nei settori lavorativi dei parlamentari: agricoltura -1, istruzione –1,1, sanità +3,3, operai –4,5, manager industriali +11,5, settore legale –6,3, lobbying –4,3, media –2,4, militari –0,5, politici +2,6, pubblico +0,2, autonomi +1,1, non nella forza lavoro +1,4. È da sottolineare che il 37,3 per cento delle donne proviene dal settore dell’istruzione (tra gli uomini il 17,5 per cento), solo il 5,3 per cento dal settore legale (tra gli uomini il 20,4 per cento): le quote complessive degli uomini e delle donne che vengono dal settore industriale sono simili (19,7 per cento uomini e 17,9 per cento donne), ma la percentuale di donne impiegate, che provengono dunque da un livello più basso, è più alta di quella degli uomini (l’11,5 per cento contro l’8 per cento), mentre i manager sono più spesso uomini (l’11,6 per cento degli uomini contro il 6,5 per cento delle donne).

Le differenze tra uomini e donne risultano analoghe nella Prima e nella Seconda Repubblica. Alcune peculiarità del mondo del lavoro italiano, come la forte presenza dei lavoratori del settore pubblico o dei dirigenti di partito che lavorano a tempo pieno nelle varie organizzazioni politiche, rende arduo il confronto tra parlamentari italiani e americani.
Tuttavia, se nel periodo che va dal 1947 al 1994 si osservano le percentuali dei lavoratori americani impiegati nel settore legale e nel mondo degli affari prima della loro elezione al Congresso, si nota, oltreoceano come in Italia, un declino dei neoeletti provenienti dal settore legale. Molto diverso invece il numero dei parlamentari che arrivano dal mondo degli affari: negli Usa la quota è rimasta abbastanza stabile negli anni, oscillando tra il 15 e il 20 per cento. Oltre ai dati sull’ultima occupazione prima dell’elezione, che riguardano 4.317 su 4.465 deputati tra il 1947 e il 2007, questo studio prende in esame anche le carriere successive al mandato parlamentare di un campione rappresentativo di 860 parlamentari (768 uomini e 92 donne).
L’età media del campione è 56 anni. Il 5,6 per cento lascia il Parlamento per andare in pensione, mentre il 2,7 per cento per andare in prigione. è interessante notare come molti parlamentari provenienti dal settore privato rimangano in politica anche all’uscita dal Parlamento. Volendo approfondire l’aspetto delle carriere post-parlamentari e incrociando i dati sulle occupazioni antecedenti e quelle successive al mandato, emergono dettagli incredibili.

Primo: il 57,4 per cento degli ex parlamentari non torna alla sua occupazione iniziale.
Secondo: i deputati che tornano più raramente alla vecchia occupazione sono gli ex lavoratori dell’industria (4,3 per cento). Di fatto, il 17 per cento rientra nel settore ma con posizioni manageriali.
Terzo: pochi abbandonano la politica. Molti deputati provenienti da altri settori prima di entrare in Parlamento, alla fine del mandato accettano un incarico politico: una quota che varia dal 28,1 per cento di chi prima lavorava nel settore legale, al 37,5 per cento di chi ricopriva un ruolo manageriale nel settore industriale, al 49,1 per cento di chi proveniva dal lavoro autonomo, al 54,9 per cento di chi lavorava nel settore pubblico, al 61,2 per cento degli ex impiegati nell’industria. Allo stesso tempo, chi proveniva dal mondo politico, nel 74,2 per cento dei casi ci rimane. Solo il 21 per cento sceglie il settore privato (e un rimanente 4,8 per cento va nel pubblico impiego). Di tutti gli ex parlamentari che restano in politica, il 21,5 per cento è eletto o impiegato negli enti locali (città o provincia), il 14,3 per cento nelle regioni e il 10,6 per cento a livello nazionale. Il restante 53,6 per cento accetta un incarico nel partito. Negli Stati Uniti si osserva invece il fenomeno inverso. Gli ex parlamentari che al termine del mandato lavorano nel settore privato sono la maggioranza (59,8 per cento) contro il 40,2 per cento che accetta un altro incarico politico. Gli ex parlamentari che vanno in pensione dopo la fine del mandato sono il 13 per cento, di più di quelli italiani, anche se l’età di ritiro è la stessa (56 anni).

Copyright © 2010 EGEA – Università Bocconi Editore

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: